Dettaglio

FONDO
FONDO
Denominazione del Fondo ArchivisticoArchivio Bruno Stefani
Estremi cronologici1925-1960
Consistenza2032 serie di negativi 24x36 (nei contenitori originali in alluminio) + ca. 6.000 stampe b/n e qualche decina a colori, 2250 diacolor
Descrizione contenutoLe stampe riguardano essenzialmente il paesaggio italiano, sono divise tematicamente e per regioni, con alcune sezioni particolarmente consistenti (città di Milano, agricoltura, industria). Il resto dell’archivio copre tutto l’arco di attività del fotografo.
Storia archivistica/ giuridicaNato a Forlì nel 1901, lavora come apprendista presso vari studi di Forlì, Vicenza e Bologna e prosegue l’attività fotografica anche durante il servizio militare. Nel 1925 si trasferisce a Milano dove lavora fino al 1934 presso gli studi di Vincenzo Aragozzini e Mario Camuzzi e presso l’Editore Rizzoli, e dove contemporaneamente conduce ricerche proprie (inizialmente in stile pittorialista e successivamente, con il passaggio all’utilizzo della Leica e dunque del formato 35 mm, modernista); frequenta il Circolo fotografico milanese del quale è con altri fondatore. Già nel 1931 inizia la collaborazione con il Touring Club, rapporto che prosegue fino al 1960. Grazie a questa importante committenza, percorre tutta la penisola in auto fotografando città, paesaggi, aspetti folclorici e produttivi delle differenti regioni. Negli anni 1938-‘40 Stefani si reca in Africa, Grecia e Medio Oriente (Turchia, Egitto), e si spinge a sperimentare il colore e la pellicola diapositiva.
Il suo lavoro viene utilizzato anche per la realizzazione di annunci pubblicitari e pubblicazioni monografiche, soprattutto grazie al rapporto instaurato con Antonio Boggeri e, attraverso questi, con i grafici Xanti Schawinsky ed Erberto Carboni. Ottiene anche committenze industriali dirette, da grandi aziende e gruppi come Eni, Edison, Carlo Erba, Agip e Dalmine. Tra il 1955 e il 1956 si stringe anche il suo rapporto con Giò Ponti, che ha come esito anche il lavoro del fotografo per alcuni volumi editi da Domus. Altra importante esperienza è quella tracciata dalla rivista Ferrania, per la quale Stefani realizza anche la copertina del primo numero (1947).
Bruno Stefani muore nel 1973, tre anni dopo aver donato il suo intero archivio di negativi e stampe all’Archivio della Fotografia, poi divenuto CSAC.
Nel marzo del 2006 un ulteriore nucleo di fotocolor è stato donato al CSAC dal sig. Fusarini Stefani.

Condizioni che regolano l'accessoL'accesso al fondo è differenziato in base allo stato di conservazione e catalogazione. I negativi sono esclusi dalla consultazione diretta.
OPERE
Collegamento operaC208094P
Oggettovario: scatola/barattoli/negativi su nitrato
OPERE
Collegamento operaC210338P
Oggettopositivo
BIBLIOGRAFIA
BibliografiaRoberto Campari, Le ‘Milano’ di Bruno Stefani, Università di Parma, 1976
A. C. Quintavalle, Enciclopedia Pratica per Fotografare, Fratelli Fabbri, Milano 1979, vol. III p. 1327 “Milano 1927-1960”
I fotografi del Touring Club Italiano, a c. di Italo Zannier TCI, 1991
Nove100, Milano, Skira 2009


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.